Se avessimo realmente uno spirito di appartenenza Europeo a fronte delle reali difficoltà economiche e sociali in cui versa l‘Unione probabilmente ci sarebbe il buon senso di evitare quei vergognosi e inrispettosi teatrini televisivi tra uomini politici e giornalisti; questi  continui  dibattiti dalla dialettica calcistica e dai contenuti piu’ comparabili allo storico “Processo del Lunedì di Biscardi” che ad un approfondimento politico sono l’ulteriore conferma che l’Europa è lontana.

Intanto ad Atene,Pratasso banche  a fuoco: tre i morti
centomila manifestanti in piazza. Parlamento messo sotto assedio

A Salonicco, in una manifestazione che ha riunito 20 mila persone, i poliziotti hanno usato i gas lacrimogeni per fermare una sassaiola contro le vetrine dei negozi. In tutta la Grecia chiusi uffici pubblici, ospedali, banche e negozi e i trasporti aerei, marittimi e ferroviari. Se servono 110 miliardi per tirar fuori la Grecia dai guai, quanto servirà per la Spagna? E per il Portogallo? E per l’Italia? E per tutti gli altri? Se la Germania inizia a indebitarsi per salvare tutti i Paesi della zona-euro, anche lei fallirà?. Non può funzionare e i mercati lo capiscono, ma i responsabili politici non sembrano affatto capire i mercati.